Frankencamera, la Fotocamera Open Source

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Una macchina fotografica digitale personalizzabile a piacere e aggiornabile di continuo, gratis, semplicemente installando nuovi programmi: si chiama “Frankencamera” – da Frankenstein, perché è brutta a vedersi e realizzata assemblando componenti pescati qua e là, senza alcuna preoccupazione per il design e la praticità –la “creatura” su cui sta alacremente lavorando Marc Levoy docente di Scienze alla Stanford University, in California.

“Frankencamera gira sotto Linu, perciò codice open source, aperto a tutti gli sviluppatori – racconta Levoy – che si potranno sbizzarrire creando applicazioni di ogni genere, per controllare la macchina, ad esempio migliorare il range dinamico in automatco, oppure per l’editing delle immagini.”
Vengono in mente integrazioni promettenti, ad esempio con Gimp, l’alternativa open source al mitico ma costoso Photoshop.

Levoy e i suoi assitenti hanno creato la Frankencamera partendo dal modulo fotografico di un cellulare Nokia N95 accoppiato a una scheda madre della Texas Instruments e a una serie di obiettivi Canon EOS.

Il progetto ha già ricevuto l’appoggio di alcuni tra i marchi più prestigiosi, Adobe, Hewlett-Packard, Kodak, Nokia, certi delle potenzialità che Frankencamera porta con se.

“L’idea – dice ancora Levoy – è quella di superare i limiti delle fotocamere di oggi, che sono universi chiusi, solo moderatamente migliorabili con l’aggiornamento del firmware. La nostra macchina permetterà grande libertà a costi bassissimi”.

Anni fa c’era chi rideva dell’ Open Source che invece si è imposto alla grande: fa funzionare i server ed è alla base di gran parte degli scritti che servono a creare e mantenere i siti Web.

GUARDA LE OFFERTE MIGLIORI