Sony G Master FE 24-70mm, 70-200mm e 85mm

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Sony corre veloce nello sviluppo dei sensori, sempre più performanti (domina il mercato) e con risoluzioni sempre maggiori, sforna nuovi modelli di mirrorless full frame, ma ha ancora la necessità impellente di arricchire con modelli top un parco ottiche che, seppur già consistente, vuole (e deve) fare concorrenza a quelli delle reflex più blasonate.
Ecco il perché della nuova serie Sony G Master, obiettivi full-frame ad attacco E qualitativamente superiori ai già interessanti Sony G. Debutto con tre ottiche, due zoom e una fissa, tutte e tre ‘tropicalizzate’ (a prova di intemperie).
“Il nuovo brand G Master comprende i migliori obiettivi che Sony abbia mai prodotto”, afferma Yosuke Aoki, Vicepresidente Digital Imaging di Sony Europe. “Abbiamo progettato queste ottiche pensando al futuro del digital imaging, e possiamo assicurare che il brand G Master saprà ispirare e sorprendere fotografi e videomaker per molti anni a venire.”

Gli zoom sono, per gamma di focali, due ‘classici’, ad apertura f/2.8 costante: Sony FE 24-70mm F2.8 GM (SEL2470GM) e Sony FE 70-200mm F2.8 GM OSS (SEL70200GM).
Il terzo obiettivo, Sony FE 85mm F1.4 GM (SEL85F14GM) è un medio tele da ritratto.

Progettati per risolvere sensori con decine di megapixel i nuovi obiettivi offrono, a detta di Sony, anche un piacevole bokeh (sfocatura dello sfondo), grazie anche alle nuove lenti XA (eXtreme Aspherical), che consentono lavorazioni con una precisione di 0,01 micron.
Il trattamento antiriflesso Nano AR di Sony elimina i riflessi a vantaggio di contrasto e nitidezza.

Sony_FE_24-70_mm_F2.8_GM

Sony FE 24-70 mm F2.8 GM

Il nuovo zoom ha tre elementi asferici, uno dei quali del tipo XA (Extreme Aspherical) di nuova concezione, che riduce le aberrazioni e assicura massima risoluzione lungo l’intera escursione focale a tutte le aperture, e in ogni punto dell’immagine. Gli altri due elementi, uno in vetro ED (Extra-low-Dispersion) e uno in vetro Super ED, minimizzano le aberrazioni cromatiche, massimizzando nel contempo risoluzione e bokeh, mantenendo i colori naturali.
La messa a fuoco beneficia di un motore SSM (Super Sonic Iwave Motor) ad azionamento diretto. Nuovi algoritmi posizionano gli elementi ottici con rapidità e precisione. E’ un motore fluido e silenzioso ideale per i filmati.
L’obiettivo ha il commutatore AF/MF, il pulsante di blocco della messa a fuoco e pulsanti di blocco zoom e sgancio paraluce.

Per FE 24-70 mm F2.8 GM sono stati introdotti due nuovi filtri: la protezione VF-82MP MC e il filtro PL circolare VF-82CPAM.

Sony_FE_85_mm_F1.4_GM

Sony FE 85 mm F1.4 GM

Lo schema ottico comprende un nuovo elemento XA (Extreme Aspherical) e tre elementi in vetro ED, che operano in sinergia, per assicurare aree a fuoco ad altissima risoluzione e tradurre i punti circostanti non a fuoco in piacevoli effetti di sfocatura dello sfondo. L’apertura circolare è a 11 lamelle (il numero più alto mai usato in un obiettivo), per un effetto bokeh morbido.
Esternamente, il nuovo modello si avvale del trattamento antiriflesso Nano AR di Sony, particolarmente importante in un obiettivo per ritratti, poiché riduce bagliori e riflessi anche nei soggetti in controluce o in altre complesse condizioni di illuminazione.
FE 85 mm F1.4 GM ha un motore AF SSM con tecnologia di azionamento Ring Drive potente e veloce. L’obiettivo é anche dotato di due sensori di posizione, che contribuiscono alla precisione della messa a fuoco.

Il nuovo obiettivo è dotato di una ghiera diaframma con commutazione on/off degli stop, regolabile a seconda dell’utilizzo della fotocamera in modalità foto o video. Ci sono poi il commutatore AF/MF e il pulsante di blocco della messa a fuoco.

sony_FE_70-200_mm_F2.8_GM_OSS

Sony FE 70-200 mm F2.8 GM OSS

FE 70-200 mm F2.8 GM OSS promette “altissimo rendering, prestazioni AF eccellenti ed efficace stabilizzazione delle immagini”.
Sono presenti tre elementi in vetro, XA, Super ED e ED, e il trattamento antiriflesso Nano AR.
Il sistema di messa a fuoco del nuovo FE 70-200 mm F2.8 GM OSS, di tipo flottante (applicato per la prima volta a uno zoom α), consente di raggiungere una distanza di messa a fuoco minima di soli 0,96 m, assicurando prestazioni AF ottimizzate sia nelle foto che nei video. Il motore SSM (Super Sonic Motor) si accompagna a due motori lineari per muovere con rapidità il complesso gruppo di elementi ottici.
Il nuovo modello integra, inoltre, il sistema di stabilizzazione delle immagini Optical SteadyShot ed è dotato di un attacco per treppiede rotante, che permette di rimuovere rapidamente la fotocamera dal cavalletto.
Il nuovo tele zoom 70-200 mm vanta un rivestimento aggiuntivo al fluoro sulla lente frontale. Non mancano il pulsante di blocco della messa a fuoco e un limitatore del range focale.
Sony ha inoltre annunciato due nuovi teleconvertitori compatti 1,4x e 2x, i modelli SEL14TC e SEL20TC, che aumentano ulteriormente la lunghezza focale, senza modificare il design affusolato dell’obiettivo.

I prezzi dell’85mm e del 24-70mm, già in vendita, sono, rispettivamente, di 1.800 e 2.200 euro. A maggio arriveranno il 70-200mm e i teleconvertitori.

GUARDA LE OFFERTE MIGLIORI