Fujifilm X-T2: nuovo sensore, AF veloce e video 4K

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

fujifilm X-T2 10-24mm

Dopo il lancio della Fujifilm X-Pro2 (mirino ibrido Hybrid Multi, look da macchina a telemetro), lo scorso gennaio, c’era attesa per l’erede della X-T1 (modello con mirino centrale, per design, più vicino a una reflex), con un nuovo sensore e altre migliorie. Ieri è stata presentata la Fijifilm X-T2, mirrorless top di gamma dotata del nuovo sensore X-Trans CMOS III APS-C da 24,3 megapixel senza filtro ottico passa-basso (prodotto da Sony), lo stesso impiegato sulla X-Pro2.
Dunque maggiore risoluzione, ma non solo. La X-T2, infatti, dispone di un nuovo sistema autofocus ibrido con un numero maggiore di punti AF e di un joystick per la selezione rapida del punto AF (come sulla X-Pro2), che può essere spostato su/giù, destra/sinistra e in diagonale.
La velocità di messa a fuoco nell’inseguimento del soggetto in movimento è stata migliorata grazie all’adozione di nuovi algoritmi. Quando si effettua la messa a fuoco tracking in modalità AF-C è possibile scegliere impostazioni personalizzate per “Sensibilità Tracking”, “Sensibilità velocità Tracking” e “Commutazione Area di Messa a Fuoco”, oppure selezionare uno dei cinque preset che combinano specifiche impostazioni per questi tre elementi.
Circa il 40% della superficie dell’immagine (area centrale contenente 49 punti di messa a fuoco) è coperto dall’AF con pixel a rilevamento di fase per  un’area di autofocus veloce e precisa utilizzabile in un’ampia varietà di scene.
La potenza di elaborazione e l’impiego di un migliore algoritmo, hanno consentito la messa a fuoco con maggiore frequenza in modalità Live View.
X-T2 ha una migliore capacità di messa a fuoco automatica su piccoli punti di luce, oggetti a basso contrasto e soggetti “difficili”, quali piume di uccello e pelo di animali, che hanno sempre rappresentato il punto debole dell’autofocus a rilevamento di fase.
Le prestazioni dell’AF a rilevamento di contrasto, abilitato su circa l’85% della superficie del sensore, sono state migliorate. Rispetto ai modelli precedenti la velocità di lettura dei dati è stata raddoppiata. Un’accurata messa a fuoco si ottiene anche in condizioni di scarsa luce pari a -3EV.

fujifilm X-T2 battery grip

L’otturatore è ora in grado di lavorare con tempi fino a 1/8000 di secondo (c’è anche l’otturatore elettronico da 1/32000 di secondo per gli scatti silenziosi). Fujifilm indica un tempo di avvio di 0,3 secondi, l’intervallo tra gli scatti di 0,17 secondi e un ritardo allo scatto di 0,045 secondi.
Grazie all’adozione del processore X-Processor Pro, è, inoltre, disponibile la nuova modalità “Simulazione pellicola” ACROS, già presente sulla X-Pro2: morbide gradazioni, neri profondi e dettagli fini per immagini in bianco e nero decisamente migliori rispetto alla modalità monocromatica precedente.
X-T2 possiede anche la funzione per simulare l’effetto grana, con due impostazioni: “Strong” (forte) e “Weak” (debole). Può essere combinata con tutte le modalità di simulazione pellicola.

La gamma della sensibilità nativa arriva fino a ISO12800, valore che la X-T1 mette a disposizione del fotografo solo nella gamma ISO estesa.

Ciò che di buono già era presente sulla X-T1 è stato mantenuto: corpo macchina molto compatto, ma al contempo robusto (è interamente realizzato in lega di magnesio ed è sigillato in 63 punti), protetto dall’acqua, dalla polvere e dal freddo, fino a -10°C, mirino elettronico incorporato con risoluzione di 2,36 milioni di punti e con rapporto di ingrandimento di 0,77x, display LCD da 3 pollici e 1,04 milioni di punti orientabile. E’ il primo display inclinabile in tre direzioni della X Series: si inclina su e giù durante le riprese orizzontali e verso l’alto durante le riprese in verticale. Lo schermo anche se inclinato rimane posizionato sull’asse ottico dell’obiettivo, facilitando le riprese dall’alto o dal basso.

fujifilm X-T2 display

La X-T2 offre elettori meccanici (velocità dell’otturatore, sensibilità ISO, compensazione dell’esposizione, modalità di scatto e modalità di misurazione) regolabili anche quando la fotocamera è spenta. I selettori dei tempi e della sensibilità ISO hanno un pulsante Lock & Release (blocca e sblocca) e  un’altezza maggiore per una migliorare operatività rispetto a X-T1

Mirino elettronico migliorato

Il mirino elettronico, già ottimo sulla X-T1, ha ora un tempo di ritardo nella visualizzazione di soli 0,005 secondi. La sua luminosità massima è raddoppiata rispetto ai modelli precedenti; il mirino dispone della funzione “Regolazione Automatica della Luminosità” per essere facilmente visibile anche in forte controluce. E’ stata, inoltre, migliorata la risoluzione in modalità Live View ed eliminato l’effetto moiré per  una messa a fuoco di maggiore precisione.
Il mirino EVF ha una velocità di refresh di 60fps o di 100fps in modalità “Boost”. È possibile la visualizzazione di un soggetto in movimento senza interruzione. Il rapido tasso di refresh dell’immagine è mantenuto anche in condizioni di scarsa illuminazione per una facile inquadratura durante le riprese notturne.
Il tempo di blackout di X-T2 è stato ridotto a meno della metà rispetto a quello di X-T1, grazie all’elaborazione parallela di visualizzazione Live View e alla veloce ricarica dell’otturatore. Ciò consente la ripresa continua in Live View di 5 fps, offrendo agli utenti la possibilità di proseguire facilmente l’inseguimento di un soggetto in movimento.
Impugnatura dedicata Vertical Power Booster Grip

Per la nuova mirrorless è disponibile l’impugnatura opzionale Vertical Power Booster Grip (VPB-XT2), anch’essa ‘tropicalizzata’, che alloggia due batterie e consente di aumentare la velocità di scatto in modalità continua da 8 a 11 foto al secondo. L’autonomia dichiarata, con la batteria della macchina più le due della Vertical Grip è di circa 1.000 scatti.
In modalità Boost, le tre batterie aumentano le prestazioni della fotocamera in modalità di scatto continuo, nell’intervallo di scatto, nel ritardo dell’otturatore e nel tempo di blackout, estendendo anche la durata della registrazione video 4K a circa 30 minuti (contro i 10 minuti consentiti dal solo corpo macchina).
Il Grip è dotato di pulsante di scatto, joystick di messa a fuoco, pulsante AE-L, AF-L, ghiere di comando, tasto Q e tasto Fn. Inoltre dispone anche di un jack per cuffie che consente il monitoraggio audio durante la registrazione video. Il Grip consente anche la ricarica delle batterie. Utilizzando l’adattatore CA in dotazione (AC-9 VS) è possibile caricare contemporaneamente le due batterie in circa 2 ore.

Con la X-T2 è possibile registrare video 4K (3840×2160), oltre che in Full HD (1920×1080). E’ questo il primo modello della Serie X che offre questa funzionalità.
Fujifilm X-T2 supporta registrazioni video con bitrate pari a 100 Mbps per entrambe le risoluzioni 4K e Full HD, consentendo riprese ad alta risoluzione con minimi artefatti di compressione.
Le modalità di “Simulazione pellicola” possono essere applicate anche alle registrazioni video. Sono disponibili nove modalità: “Classic Chrome”, per un tocco documentaristico con colori tenui e ricche tonalità, oppure “ACROS”, per produrre video in bianco e nero con morbide gradazioni dei toni e neri profondi. Con la “Simulazione Pellicola” per i filmati possono essere finemente regolati anche “Highlight Tone”, “Shadow Tone”, “Color” e “Sharpness”.
X-T2 supporta l’uscita “Clean HDMI” per le registrazioni video 4K e offre anche l’opzione log-gamma “F-Log”, che si avvale di un’ampia gamma dinamica del sensore per registrare video con ampio gamut colore.

La X-T2 è dotata di doppio slot per schede SD e supporta il tipo UHS-2 per una velocità di scrittura più rapida. I due slot possono essere impostati in modalità “Sequenziale”, “Backup” “RAW/JPG” per la registrazione di dati RAW nello slot 1 e dati JPEG nello slot 2, così come “Video Destination” (memorizzazione video).

Supporto del tethering
L’installazione di “Tether Shooting Plug-in for Adobe Photoshop Lightroom / Tether Shooting Plug-in Pro for Adobe Photoshop Lightroom” consente il collegamento di X-T2 a computer Mac o Windows per lo scatto remoto. È possibile trasferire automaticamente e salvare le immagini nel computer e scattare mentre si controlla l’immagine con “Live View” (solo versione Pro).

Funzione “Wireless Communication”
Scaricando l’app gratuita “FUJIFILM Remote Camera” su smartphone o tablet è possibile utilizzare la funzione “Wireless Communication” per trasferire foto e video al dispositivo con una semplice operazione “one-touch”, oppure sfogliare foto e video dal dispositivo per selezionare e scaricare immagini specifiche, senza dover inserire ID o password. L’applicazione consente anche di scaricare dal dispositivo informazioni sulla posizione geografica, collegandole alle immagini scattate con X-T2.
L’app “Remote Control” permette il funzionamento wireless, da smartphone o da tablet, di operazioni su X-T2 quali la regolazione del tempo di posa, l’esposizione, etc. La funzione di controllo remoto permette non solo di gestire le operazioni di base come “Touch AF” e selezione del tempo di posa, ma anche di regolare una vasta gamma di impostazioni di scatto o anche avviare registrazioni video. La comunicazione Wi-Fi è supportata per un facile backup dei dati in-camera sul computer.

Accessori per la X-T2

– Custodia in pelle “BLC-XT2”, di elevata qualità, consente la sostituzione della batteria quando la fotocamera è inserita.
– Impugnatura “MHG-XT2: quando si utilizza un treppiede, l’impugnatura offre spazio aggiuntivo per prevenire interferenze dell’ottica con la testa del treppiede. Batteria e scheda SD  possono essere sostituite senza dover rimuovere l’impugnatura. La piastra Arca Swiss può essere utilizzata per l’aggancio rapido con i treppiedi compatibili.

Il prezzo della Fujifilm X-T2, che sarà in vendita a partire da settembre 2016, è di 1.729,99 euro iva compresa per il solo corpo macchina, oppure di 2.039,99 euro per iil con con lo zoom standard (ottimo) XF18-55mm f/2,8-4.
Il prezzo della Vertical Power Battery VPB-X-T2 opzionale è di 349,99 euro.

GUARDA LE OFFERTE MIGLIORI